Il ronzio sul succo d'uva

3 aprile 2000 (Petaluma, California) - Anche le notizie più incoraggianti sui benefici per la salute del vino non erano sufficienti a convincere Susan Sanford ad assorbire. "Non mi è mai piaciuto il sapore dell'alcol", dice Sanford, 42 anni, un ingegnere del suono del cinema nel nord della California. "Ancora, con tutti i titoli, non puoi fare a meno di chiedermi se ti stai perdendo qualcosa che potrebbe ridurre il rischio di malattie cardiache".

Bene, Susan Sanford, non ti preoccupare più. Se non ti piace il vino, gli studi più recenti mostrano che puoi ottenere quasi tutti gli stessi benefici dal succo d'uva. Il motivo: il succo d'uva viola contiene gli stessi potenti antiossidanti che combattono la malattia, chiamati flavonoidi, che si ritiene possano dare molti vantaggi a livello cardiaco al vino.

Cosa sarà: vino o Welch's?

I flavonoidi contenuti nel succo d'uva, come quelli del vino, hanno dimostrato di prevenire l'ossidazione del cosiddetto colesterolo cattivo (LDL o lipoproteine ​​a bassa densità) che porta alla formazione della placca nelle pareti delle arterie. In uno studio pubblicato nel 1999 sulla rivista Circolazione, I ricercatori della Medical School dell'Università del Wisconsin a Madison hanno chiesto a 15 pazienti che hanno già mostrato segni clinici di malattie cardiovascolari - tra cui le arterie costrette a placca - di bere un bicchiere di succo d'uva ogni giorno. Dopo 14 giorni, gli esami del sangue hanno rivelato che l'ossidazione delle LDL in questi pazienti era significativamente ridotta. E le immagini ad ultrasuoni hanno mostrato cambiamenti nelle pareti delle arterie, indicando che il loro sangue scorreva più liberamente.

Il succo d'uva può anche ridurre il rischio di sviluppare i coaguli di sangue che portano ad attacchi di cuore, secondo i risultati non pubblicati del ricercatore della Georgetown University, Jane Freedman, MD. Così può il vino rosso, ma in questo caso il succo d'uva è il modo più pratico per andare: "Il vino impedisce solo la coagulazione del sangue [quando è consumato] a livelli abbastanza alti da dichiarare qualcuno legalmente ubriaco", dice John Folts, ricercatore dell'Università del Wisconsin, Ph.D. "Con il succo d'uva, puoi bere abbastanza per ottenere il beneficio senza preoccuparti di diventare intossicato."

Inoltre, le bevande alcoliche non sembrano migliorare la funzione delle cellule nei rivestimenti dei vasi sanguigni come il succo d'uva. E l'alcol genera radicali liberi - molecole di ossigeno instabili che possono effettivamente danneggiare i tessuti dei vasi sanguigni - attenuando tutti i benefici che gli antiossidanti del vino rosso possono offrire.

Continua

Protezione più duratura

Ancora migliori notizie, per Sanford e altri astemi, è che gli antiossidanti nel succo d'uva sembrano indugiare nel corpo più a lungo di quelli del vino. All'università della California, Davis, i ricercatori hanno preso un cabernet sauvignon del 1996, hanno rimosso tutto l'alcol e hanno chiesto a un gruppo di nove volontari di alternare tra bere il vino non alcolico un giorno e una versione alcolica il giorno dopo. Nelle loro conclusioni, riportate nel numero di gennaio 2000 del American Journal of Clinical Nutrition, un antiossidante chiave chiamato catechina è rimasto nel sangue per più di 4 ore dopo che i volontari hanno bevuto il vino non alcolico, rispetto a solo 3,2 ore per il cabernet a piena forza. Apparentemente, l'alcol accelera la degradazione dell'antiossidante nel sangue, accelerando la sua eliminazione dal corpo.

Ma il vino può fornire almeno un succo d'uva beneficio non: l'alcool ha dimostrato di aumentare i livelli di HDL, il cosiddetto colesterolo buono, nel sangue.

Anche così, se sei un non bevitore, il succo d'uva è un modo fantastico per ottenere molti dei benefici per la salute del vino, dice Folts. Se scegli il succo, scegli il tipo viola, che è molto più ricco di flavonoidi antiossidanti rispetto al rosso o al bianco. Sorprendentemente, mangiare uva da tavola rossa non fornirà altrettanta protezione. Questo perché il succo è fatto schiacciando non solo la pelle e la carne, ma anche i semi, che sono particolarmente ricchi di flavonoidi. L'uva bianca e il succo d'uva non lo faranno, perché non contengono i flavonoidi che fanno le uve viola o rosse.

Sanford ora può stare tranquillo. Con un bicchiere di succo d'uva viola con colazione o per uno spuntino pomeridiano, il suo cuore può realizzare gli stessi benefici di quelli dei suoi amici bevitori di vino. E se non vuoi il vino a cena, stappa uno dei pregiati rossi non alcolici sul mercato. Sono ricchi di antiossidanti e di ottimo sapore - e puoi bere tutto quello che vuoi senza preoccuparti di guidare a casa.

Funzione WebMD

© 2000 WebMD, Inc. Tutti i diritti riservati.

Recenti documenti: