Glossario nutrizionale - NutritionData.com

Questo glossario nutrizionale include definizioni di termini nutrizionali comuni e termini specifici per il sito Web dei dati nutrizionali. I comodi collegamenti alfabetici consentono di navigare rapidamente tra le diverse sezioni di questo glossario.

Adenosina trifosfato (ATP): l'ATP è una molecola che funge da fonte di energia universale per tutte le piante e gli animali. Nel tuo corpo, l'ATP si scompone in adenosina difosfato più un gruppo fosfato separato. Questo rilascia energia, che viene utilizzata per alimentare le cellule del tuo corpo. Durante i periodi di inattività, si verifica la reazione inversa e il gruppo fosfato viene ricollegato alla molecola utilizzando l'energia ottenuta dal cibo. In questo modo, la molecola di ATP viene continuamente riciclata dal tuo corpo.

Aminoacidi: vedi le proteine.

Antocianidine: vedi flavonoidi.

Antiossidante: gli antiossidanti sono sostanze chimiche che aiutano a proteggere dai danni cellulari causati dai radicali liberi. I noti antiossidanti includono vitamina A, vitamina C, vitamina E, carotenoidi e flavonoidi.

Acido ascorbico: vedere la vitamina C.

Beta-sitosterolo: vedi Sterol.

Better Choices Diet ™: The Better Choices Diet è un marchio di Nutrition Data, e un metodo per fare selezioni alimentari dietetiche basate sul contenuto di nutrienti del cibo. Per una spiegazione dettagliata di Better Choices, vedere la pagina Diet Choices Better di Nutrition Data.

Bioflavonoidi: vedi flavonoidi.

Indice di massa corporea (BMI): l'indice di massa corporea è un rapporto standardizzato tra peso e altezza ed è spesso utilizzato come indicatore generale di salute. Il tuo BMI può essere calcolato dividendo il tuo peso (in chilogrammi) per il quadrato della tua altezza (in metri). Un IMC tra 18,5 e 24,9 è considerato normale per la maggior parte degli adulti. BMI più alti possono indicare che un individuo è sovrappeso o obeso.

Calcio: tra tutti i minerali essenziali del corpo umano, il calcio è il più abbondante. Il calcio aiuta il corpo a formare ossa e denti ed è necessario per la coagulazione del sangue, la trasmissione dei segnali nelle cellule nervose e la contrazione muscolare. Il calcio aiuta a prevenire l'osteoporosi; dei due o tre chili di calcio contenuti nel corpo umano, il 99% si trova nelle ossa e nei denti.

Il calcio sembra anche svolgere un ruolo nel ridurre la pressione sanguigna e ha dimostrato di ridurre il rischio di malattie cardiovascolari nelle donne in postmenopausa.

Caloric Ratio Pyramid ™: The Caloric Ratio Pyramid è un grafico triassiale codificato per colore su cui sono tracciate le percentuali di carboidrati, grassi e proteine ​​di un alimento. La piramide del rapporto calorico è stata creata da Nutrition Data per fornire un rapido indicatore visivo del contenuto di macronutrienti di un alimento. Per una spiegazione più dettagliata, vedere la pagina Piramide del rapporto calorico dei dati nutrizionali.

Calorie: le calorie sono unità di misura dell'energia. Una caloria è formalmente definita come la quantità di energia richiesta per aumentare un centimetro cubo di acqua di un grado centigrado. Ai fini della misurazione della quantità di energia nel cibo, i nutrizionisti usano più comunemente kilocalorie (pari a 1.000 calorie) e etichettano la misurazione come "kcal" o come "Calorie" con una "C" maiuscola. Una kcal equivale a circa 4.184 kilojoule.

Campesterolo: vedi Sterol.

Carotenoidi: i carotenoidi sono pigmenti liposolubili naturali presenti in alcune piante. I carotenoidi forniscono la colorazione rossa, arancione o gialla brillante di molte verdure, fungono da antiossidanti e possono essere fonte di attività della vitamina A.

Colecalciferolo: vedi la vitamina D.

Colesterolo: il colesterolo è una sostanza molle e cerosa presente in tutte le parti del corpo, compresi il sistema nervoso, la pelle, i muscoli, il fegato, l'intestino e il cuore. È prodotto dal corpo e ottenuto da prodotti animali nella dieta. Il colesterolo è prodotto nel fegato per le normali funzioni del corpo compresa la produzione di ormoni, acido biliare e vitamina D. Viene trasportato nel sangue per essere utilizzato da tutte le parti del corpo.

Nel flusso sanguigno, il colesterolo si combina con gli acidi grassi per formare lipoproteine ​​ad alta densità (HDL) e a bassa densità (LDL). Le LDL sono considerate il "colesterolo cattivo", poiché possono aderire insieme per formare depositi di placca sulle pareti dei vasi sanguigni, causando l'aterosclerosi.

Un quarto della popolazione adulta negli Stati Uniti ha alti livelli di colesterolo nel sangue. Più della metà della popolazione adulta ha livelli di colesterolo nel sangue che superano l'intervallo auspicabile, come specificato dalla comunità medica. Il colesterolo elevato inizia spesso nell'infanzia. Alcuni bambini possono essere a più alto rischio di altri a causa di una storia familiare di colesterolo alto.

Cobalamina: vedi la vitamina B12.

Rame: il rame è un oligoelemento essenziale per la maggior parte degli animali, compresi gli esseri umani. È necessario per assorbire e utilizzare il ferro. L'influenza del rame sulla salute è dovuta al fatto che fa parte degli enzimi, che sono proteine ​​che aiutano le reazioni biochimiche a verificarsi in tutte le cellule. Il rame è coinvolto nell'assorbimento, nella conservazione e nel metabolismo del ferro. I sintomi di una carenza di rame sono simili all'anemia da carenza di ferro. Il rame può essere assorbito sia dallo stomaco che dalla mucosa piccolo-intestinale, con la maggior parte assorbita dall'intestino tenue. Il rame si trova nel sangue legato alle proteine.

Valori giornalieri (DV): i valori giornalieri sono i valori dietetici di riferimento che vengono utilizzati su tutte le attuali etichette di Fatti nutrizionali degli Stati Uniti. Questi valori sono stati determinati dalla FDA per rappresentare al meglio i bisogni minimi della popolazione generale. Per molte sostanze nutritive, i DV supereranno i tuoi effettivi bisogni minimi, dal momento che conservano in modo conservativo i bisogni minimi di condizioni più impegnative, come la gravidanza o l'allattamento. La maggior parte dei DV deriva da Dietary Reference Intakes (DRI) e altre raccomandazioni formulate dal Food and Nutrition Board, Institute of Medicine (IOM).

Per l'uso sulle etichette degli alimenti, i valori giornalieri sostituiscono formalmente tutti gli altri riferimenti utilizzati in precedenza, compresi i valori di riferimento giornalieri (DRV), le immissioni giornaliere di riferimento (RDI) e le assunzioni dietetiche raccomandate (RDA).

Poiché i tuoi bisogni individuali possono essere diversi dai valori giornalieri stabiliti, i dati nutrizionali ti consentono di mantenere il tuo set individuale di valori target per l'assunzione di nutrienti. Questi "valori giornalieri individualizzati" (IDV) possono essere impostati sulla pagina Preferenze personali dei dati nutrizionali.

Fibra alimentare: la fibra alimentare proviene dalle spesse pareti cellulari delle piante. È un carboidrato complesso indigeribile. La fibra è divisa in due categorie generali: solubile in acqua e insolubile in acqua.

La fibra solubile ha dimostrato di abbassare il colesterolo. Tuttavia, in molti studi, il grado di riduzione del colesterolo era piuttosto modesto. Per ragioni sconosciute, è stato dimostrato che le diete più alte in fibra insolubile (per lo più non correlate ai livelli di colesterolo) correlano meglio con la protezione contro le malattie cardiache negli studi sull'uomo. Le fibre solubili possono anche abbassare i livelli di zucchero nel sangue, e alcuni medici ritengono che l'aumento di fibre diminuisca il fabbisogno di insulina nell'organismo, un buon segno per i diabetici.

La fibra insolubile agisce come un addolcitore delle feci, che accelera la digestione attraverso il tratto intestinale. Per questo motivo, la fibra insolubile è un trattamento efficace per la stitichezza. La riduzione del "tempo di transito" è stata pensata anche per spiegare parzialmente il legame tra una dieta ricca di fibre e un ridotto rischio di cancro al colon.

Assunzioni di riferimento dietetiche (IDV): vedere i valori giornalieri.

Enzima: gli enzimi sono proteine ​​complesse che aiutano o permettono che si verifichino reazioni chimiche. Gli enzimi "digestivi", ad esempio, aiutano il tuo corpo a rompere il cibo in composti chimici che possono essere più facilmente assorbiti. Migliaia di enzimi diversi sono prodotti dal tuo corpo.

Amminoacidi essenziali: gli aminoacidi essenziali sono aminoacidi che il tuo corpo non ha la capacità di sintetizzare. Centinaia di aminoacidi diversi esistono in natura e circa due dozzine di essi sono importanti per la nutrizione umana. Nove di questi: istidina, isoleucina, leucina, lisina, metionina, fenilalanina, theronina, triptofano e valina sono considerati essenziali, poiché devono essere forniti dalla dieta.

Mentre i requisiti degli amminoacidi essenziali variano tra i diversi individui, l'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) ha proposto uno standard che specifica la quantità minima di ciascun amminoacido essenziale che dovrebbe essere fornito per grammo di proteine ​​consumate. Questo standard è il riferimento con cui viene determinata la qualità delle proteine. Confrontando l'amminoacido limite (cioè il livello più basso) in un alimento con questo standard, viene determinato il punteggio dell'amminoacido. Un punteggio pari o superiore a 100 indica una proteina completa o di alta qualità; un punteggio inferiore a 100 indica una proteina di qualità inferiore.

Acidi grassi: gli acidi grassi sono singoli isomeri di quelli che più comunemente chiamiamo "grassi". Ci sono potenzialmente centinaia di diversi acidi grassi, ma solo poche decine si trovano comunemente nei cibi che mangiamo. I nomi e le configurazioni chimiche degli acidi grassi più comuni sono identificati nella pagina degli acidi grassi dei dati nutrizionali.

Flavonoidi (bioflavonoidi): i flavonoidi sono una classe di pigmenti idrosolubili che si trovano in molte piante. Sono state identificate alcune migliaia di flavonoidi diversi. Sebbene non etichettati come nutrienti essenziali, molti di questi composti fungono da antiossidanti o svolgono altri ruoli importanti nel mantenimento della salute del tuo corpo.

Alcuni ricercatori spezzano i flavonoidi in sottoclassi che comprendono isoflavoni, antocianidine, flavoni, flavonoli, flavoni e flavanoni. Tuttavia, queste sottoclassifiche non sono universalmente riconosciute.

Folato: vedi la vitamina B9.

Acido folico: vedere la vitamina B9.

Fullness Factor ™ (FF): The Fullness Factor è un indice dietetico, creato da Nutrition Data, per predire l'effetto saziante di un alimento dal contenuto di nutrienti del cibo. Per una spiegazione dettagliata del fattore di pienezza, vedere la pagina relativa al fattore di pienezza dei dati nutrizionali.

Indice glicemico (IG): l'indice glicemico è un indice dietetico utilizzato per classificare gli alimenti a base di carboidrati. L'Indice Glicemico predice la velocità con cui il cibo ingerito aumenterà i livelli di Bloodsugar. Una spiegazione dettagliata dell'indice glicemico e del carico glicemico può essere trovata sulla pagina dell'indice glicemico dei dati nutrizionali.

Carico glicemico (GL): il carico glicemico è pari all'indice glicemico di un alimento moltiplicato per il numero di grammi di carboidrati nel servizio del cibo che viene mangiato. Si ritiene che il carico glicemico sia correlato più direttamente ai cambiamenti di livello glicemico rispetto all'indice glicemico. Una spiegazione dettagliata dell'indice glicemico e del carico glicemico può essere trovata sulla pagina dell'indice glicemico dei dati nutrizionali.

HDL: Vedi il colesterolo.

Istidina: vedi aminoacidi essenziali.

Valori giornalieri personalizzati (IDV): vedere i valori giornalieri.

Insulina: l'insulina è un ormone secreto dal pancreas per aiutare a regolare il livello di zucchero nel sangue e favorire la conservazione del glicogeno. Gli individui con diabete mellito integrano l'insulina per compensare l'incapacità del loro corpo di produrre quantità sufficienti.

Fibra insolubile: vedi fibra alimentare.

International Unit (IU): IU è un'unità di misura utilizzata principalmente sull'etichettatura nutrizionale per la vitamina A. Una UI equivale a 0,3 mcg di retinolo, 0,6 mcg di beta-carotene o 1,2 mcg di altri carotenoidi provitamina-A.

Ferro: il ferro è uno dei minerali essenziali del corpo umano. Fa parte dell'emoglobina, il componente del sangue che trasporta l'ossigeno in tutto il corpo. Le persone con la gomma del sangue povero di ferro facilmente perché i loro corpi sono affamati di ossigeno. Anche il ferro fa parte della mioglobina, che aiuta i muscoli a immagazzinare l'ossigeno.Con ferro insufficiente, l'adenosina trifosfato (ATP, il carburante su cui gira il corpo) non può essere sintetizzata correttamente. Di conseguenza, alcune persone carenti di ferro possono affaticarsi anche quando non sono anemiche.

Isoflavoni: vedi flavonoidi.

Isoleucina: vedi aminoacidi essenziali.

Isomero: un isomero è una variazione nella disposizione degli atomi in due o più composti chimici altrimenti simili.

...

Kilojoule: Vedi Calorie.
LDL: vedi colesterolo.

Leucina: vedi aminoacidi essenziali.

Lipidi: una classificazione generale per indicare composti insolubili in acqua, come acidi grassi e steroli.

Lisina: vedi gli aminoacidi essenziali.

Macronutrienti: i nutrizionisti spesso raggruppano le sostanze nutritive in due sottoclassi, chiamate macronutrienti e micronutrienti. I macronutrienti si riferiscono a quei nutrienti che costituiscono la maggior parte del tuo consumo e danno energia alla tua dieta. I macronutrienti includono carboidrati, grassi, proteine ​​e alcol. A volte l'acqua è anche considerata un macronutriente. Tutti gli altri nutrienti sono consumati in piccole quantità e sono etichettati come micronutrienti.

Magnesio: il magnesio è un minerale essenziale per il corpo umano. È necessario per la formazione di proteine, ossa e acidi grassi, creando nuove cellule, attivando vitamine del gruppo B, rilassando i muscoli, la coagulazione del sangue e formando l'adenosina trifosfato (ATP). La produzione e l'uso di insulina richiede anche il magnesio.

In determinate circostanze, il magnesio è stato trovato per migliorare la visione nelle persone con glaucoma. Allo stesso modo, il magnesio ha dimostrato la capacità di abbassare la pressione sanguigna.

Maltitolo: vedi zucchero alcolico.

Manganese: il manganese è un minerale traccia essenziale che è richiesto in piccole quantità per produrre enzimi necessari per il metabolismo di proteine ​​e grassi. Supporta anche il sistema immunitario e l'equilibrio glicemico ed è coinvolto nella produzione di energia cellulare, riproduzione e crescita ossea.

Il manganese lavora con la vitamina K per sostenere la normale coagulazione del sangue. Lavorando con le vitamine del complesso B, il manganese aiuta a promuovere una prospettiva positiva di fronte a stress, frustrazione e ansia.

Mannitolo: vedi zucchero alcolico.

Menadione: vedi la vitamina K.

Metionina: vedi aminoacidi essenziali.

Microgramma (mcg): un microgramma è un'unità di misura pari a un milionesimo di grammo (g).

Micronutrienti: vedi Macronutrient.

Milligram (mg): un milligrammo è un'unità di misura pari a un millesimo di grammo (g).

Monosaccaridi: i monosaccaridi sono carboidrati semplici costituiti da una singola molecola di zucchero. Gli esempi includono glucosio, fruttosio e galattosio.

Grasso monoinsaturo: vedere il grasso insaturo.

Niacina: vedi la vitamina B3.

Glossario nutrizionale - NutritionData.com

Derivati ​​o sottoprodotti di origine animale (o pesce)

I derivati ​​animali sono comunemente usati in una forma di pasto (come farina di pollo, farina di sottoprodotti di pollame) in cui vengono cucinati carne e derivati ​​animali, il grasso rimosso e il materiale rimanente essiccato per creare un pasto secco).

Aminoacidi aromatici

Gruppo di aminoacidi caratterizzato da catene laterali costituite da strutture ad anello piatte.

Cenere

Vedi Crude Ash

Fattori Atwater

Contributo energetico stimato da ciascun grammo di proteine, grassi e carboidrati.

Avadin

Proteina legante biotina prodotta da uccelli e rettile e trovata nel bianco d'uovo.

Disbiosi batterica

Squilibrio di batteri commensali sul o nel corpo.

La biodisponibilità

La quantità di un nutriente ingerito che viene assorbito e disponibile per l'uso da parte dell'organismo.

Carotenoidi

Pigmenti organici trovati nelle piante, alcuni dei quali possono essere metabolizzati in vitamina A se ingeriti dagli animali.

chelante

Un minerale che è in grado di legare e prevenire l'assorbimento di altri minerali.

Pasto di pollo

Vedi Derivati ​​o sottoprodotti di origine animale (o pesce)

colecalciferolo

Forma di vitamina D (D3) sintetizzata dagli animali.

cobalamina

Vitamina B12.

coccidiostatici

I coccidiostatici sono sostanze utilizzate come additivi per mangimi per pollame per prevenire la coccidiosi.

Coenzima

Piccole molecole contenenti carbonio non proteico (cioè organiche) che si legano a un enzima e sono necessarie per l'attività biologica.

cofattore

Piccolo composto non proteico che si lega a una proteina per facilitare o aumentare il tasso di attività biologica; può essere organico (cioè coenzimi) o inorganico (cioè minerali).

Alimento complementare per animali domestici

Gli alimenti complementari per animali domestici sono progettati per essere solo una parte della dieta e non soddisfano i requisiti nutrizionali conosciuti quando vengono nutriti da soli. Devono essere usati in combinazione con altri tipi di alimenti per soddisfare i requisiti giornalieri.

Alimento per animali completo

Gli alimenti per animali domestici che forniscono tutti i nutrienti nelle quantità e nelle proporzioni necessarie agli animali sono considerati completi. Solo gli alimenti per animali domestici completi sono adatti per l'alimentazione quotidiana senza aggiungere altri prodotti alimentari ad eccezione dell'acqua.

Nutrienti condizionatamente essenziali

Aminoacidi, acidi grassi, vitamine e minerali che hanno limitato la sintesi de novo da parte degli animali e durante periodi specifici di elevata richiesta di nutrienti (come la crescita o la gestazione) possono essere richiesti nella dieta.

Cenere grezza

Ash è il termine usato per definire il materiale inorganico rimasto dopo che il materiale organico è stato bruciato. È importante riconoscere che questo non indica che la cenere è stata aggiunta al cibo. È anche permesso chiamare "cenere", "residuo incenerito" o "materia inorganica".

Amminoacidi dibasici

Gruppo di aminoacidi caratterizzato da catena laterale costituita da un secondo gruppo di base.

digeribilità

La capacità di una proteina, di un grasso o di un carboidrato di essere metabolizzata e assorbita dal corpo.

disaccaridi

Molecola di carboidrati composta da due subunità di monosaccaridi.

Base di materia secca

Percentuale di nutrienti di un mangime quando l'acqua è stata rimossa.

eicosanoidi

Molecole di segnalazione ricavate dall'ossidazione di acidi grassi a 20 atomi di carbonio da parte degli enzimi della lipoossigenasi (LOX) o della cicloossigenasi (COX).

Ergocalciferol

Forma di vitamina D (D2) sintetizzata da piante e funghi.

Nutrienti essenziali

Aminoacidi, acidi grassi, vitamine e minerali che sono richiesti per l'attività biologica e la funzione di un particolare sistema, ma non sono sintetizzati (o sintetizzati in quantità adeguata) nel corpo e come tali sono richiesti nella dieta.

Aminoacidi glucogeni

Amminoacidi che possono essere convertiti in glucosio tramite gluconeogenesi.

Risposta glicemica

L'effetto di un particolare alimento o pasto sull'elevazione dei livelli di zucchero nel sangue.

Lipoproteine ​​ad alta densità

La più piccola delle molecole di lipoproteine ​​con il rapporto più basso tra grasso e proteine. Usato per il trasporto di lipidi e colesterolo dalla periferia al fegato e altri organi terminali (come le ghiandole surrenali e le ovaie / testicoli) per un ulteriore metabolismo.

istomonostatici

Gli istomonostatici sono sostanze utilizzate come additivi per mangimi per pollame per prevenire l'istomoniasi (testa nera).

Residuo incenerito

Vedi Crude Ash

Materia inorganica

Vedi Crude Ash

Amminoacido chetogenico

Amminoacidi che possono essere convertiti in acetil-CoA per l'uso nel ciclo dell'acido tricarbossilico.

Lipoproteine ​​a bassa densità

Dimensione intermedia delle molecole di lipoproteine ​​con un rapporto maggiore tra grasso e proteine ​​rispetto alle lipoproteine ​​ad alta densità. Formato dalla rimozione di lipidi e colesterolo da lipoproteine ​​a bassissima densità nella circolazione periferica.

macronutrienti

Nutrienti essenziali necessari nella quantità giornaliera di grammi nella dieta.

Maillard Reaction

Collegamento incrociato di amminoacidi (come lisina, triptofano e prolina) con molecole di zucchero che si verificano durante l'elaborazione del calore durante la preparazione del cibo. Definito anche come colorazione non enzimatica.

Anemia megaloblastica

Presenza di globuli rossi immaturi e disfunzionali (megaloblasti) nella circolazione periferica causata da carenza di cobalamina e / o folati.

Fattori Atwater modificati

Contributo energetico stimato da ciascun grammo di proteine, grassi e carboidrati negli alimenti commerciali per cani e gatti con una presunta diminuzione della biodisponibilità.

monosaccaridi

Il carboidrato più semplice consiste di molecole di zucchero singolo.

Nutrienti non essenziali

Aminoacidi, acidi grassi, vitamine e minerali che hanno un'adeguata sintesi de novo da altri componenti della dieta.

osmolalità

Misura di osmoli in un chilogrammo di solvente (osmol / kg).

osmolarità

Misura di osmoli in un litro di una soluzione liquida (osmol / l).

osteocondrosi

Malattia ortopedica in animali giovani e in rapida crescita; multifattoriale, ma spesso associato a un'eccessiva assunzione di energia e / o di calcio che causa un'interruzione dell'afflusso di sangue epifisario e un difetto nell'ossificazione endocondrale.

appetibilità

Caratteristiche di un alimento che lo rendono piacevole e accettabile per un animale.

Particolari scopi nutrizionali (PARNUT)

Un particolare scopo nutrizionale è inteso a soddisfare i bisogni nutrizionali specifici degli animali il cui processo di assimilazione, assorbimento o metabolismo è, o potrebbe essere, temporaneamente o irreversibilmente compromesso e che può, quindi, beneficiare di un mangime che si adatta alle esigenze specifiche generate dalle loro condizioni

I polisaccaridi

Una molecola di carboidrati composta da più subunità di monosaccaridi.

Acido grasso polinsaturo

Acidi grassi a catena lunga con 2 o più doppi legami nella struttura portante di carbonio.

Retinolo

Alcol in forma di vitamina A trovato in circolazione.

sarcopenia

Perdita generalizzata della massa magra (cioè muscolare) con mantenimento del tessuto adiposo.

Additivi tecnologici

Gli additivi tecnologici sono additivi che hanno un impatto sulla consistenza e sulla qualità del cibo.

Energia termica del cibo

Aumento del metabolismo dopo l'ingestione di un pasto; influenzato dalla composizione macronutriente.

tocoferolo

Termine generale per la famiglia di composti di vitamina E.

Trace nutriente

Sostanze nutritive essenziali richieste in milligrammi per microgrammare gli importi giornalieri nella dieta.

Lipoproteina a bassissima densità

Dimensione intermedia delle molecole di lipoproteine ​​con un rapporto maggiore tra grasso e proteine ​​rispetto alle lipoproteine ​​a bassa densità. Sintetizzato nel fegato e utilizzato per il trasporto di lipidi e colesterolo ai tessuti periferici.

Additivi zootecnici

Gli additivi zootecnici sono additivi che hanno un impatto sulla salute e sul funzionamento degli animali.

Approvato da WALTHAM®, un'autorità leader nella nutrizione e benessere degli animali da compagnia da oltre 50 anni e l'istituto scientifico di Mars Petcare.

Recenti documenti: