Emodialisi | NIDDK

L'emodialisi è un trattamento per filtrare i rifiuti e l'acqua dal sangue, come facevano i reni quando erano sani. L'emodialisi aiuta a controllare la pressione sanguigna e bilancia importanti minerali, come il potassio, il sodio e il calcio, nel sangue.

L'emodialisi può aiutarti a sentirti meglio ea vivere più a lungo, ma non è una cura per l'insufficienza renale.

Cosa succede durante l'emodialisi?

Durante l'emodialisi, il tuo sangue passa attraverso un filtro, chiamato dializzatore, fuori dal tuo corpo. Un dializzatore viene talvolta definito un "rene artificiale".

All'inizio di un trattamento di emodialisi, un'infermiera o un tecnico di dialisi posiziona due aghi nel braccio. Potresti preferire inserire i tuoi aghi dopo che sei stato addestrato dal tuo team sanitario. Se gli aghi ti infastidiscono, puoi usare una crema o uno spray paralizzante. Ogni ago è collegato a un tubo morbido collegato alla macchina per dialisi.

Diagramma del flusso ematico emodializzato dal braccio nel tubo, oltre un monitor di pressione, una pompa del sangue e una pompa di eparina, che impedisce la coagulazione. Il sangue scorre oltre un altro monitor di pressione prima di entrare nel dializzatore o nel filtro. Il sangue filtrato continua oltre il monitor della pressione venosa, una trappola d'aria e un rilevatore d'aria, e un morsetto del rilevatore d'aria, e ritorna al braccio. Durante l'emodialisi, il tuo sangue viene pompato attraverso un filtro, chiamato dializzatore.

La macchina per la dialisi pompa il sangue attraverso il filtro e restituisce il sangue al tuo corpo. Durante il processo, la macchina per dialisi controlla la pressione sanguigna e controlla la velocità

  • il sangue scorre attraverso il filtro
  • il liquido viene rimosso dal tuo corpo

Cosa succede al mio sangue mentre è nel filtro?

Il sangue entra a un'estremità del filtro ed è forzato in molte fibre sottilissime. Mentre il sangue passa attraverso le fibre cave, la soluzione di dialisi passa nella direzione opposta all'esterno delle fibre. I prodotti di scarto del tuo sangue si spostano nella soluzione di dialisi. Il sangue filtrato rimane nelle fibre cave e ritorna nel tuo corpo.

Diagramma del flusso sanguigno dalla parte superiore del dializzatore verso il basso. La soluzione per dialisi scorre nella direzione opposta, dal basso verso l'alto. La sezione trasversale mostra fibre cave all'interno del dializzatore, dove i rifiuti passano dal sangue alla soluzione. Nel filtro, il sangue scorre all'interno di fibre cave che filtrano i rifiuti e il sale e l'acqua in eccesso.

Il vostro nefrologo, un medico specializzato in problemi renali, prescriverà una soluzione di dialisi per soddisfare le vostre esigenze. La soluzione per dialisi contiene acqua e prodotti chimici che vengono aggiunti per rimuovere in modo sicuro rifiuti, sale extra e fluidi dal sangue. Il medico può regolare l'equilibrio delle sostanze chimiche nella soluzione se

  • i tuoi esami del sangue mostrano che il tuo sangue ha troppo o troppo poco di alcuni minerali, come il potassio o il calcio
  • hai problemi come bassa pressione sanguigna o crampi muscolari durante la dialisi

Il dializzatore può fare tutto ciò che i miei reni ha fatto una volta?

No. L'emodialisi può sostituire la parte, ma non la totalità, della funzione renale. La dialisi contribuirà a migliorare il livello di energia e le modifiche apportate alla dieta possono aiutarti a sentirti meglio. Limitare quanta acqua e altri liquidi bevete e assorbite attraverso gli alimenti può aiutare a mantenere troppi liquidi da accumularsi nel vostro corpo tra un trattamento e l'altro. I medicinali aiutano anche a mantenere la salute durante la dialisi.

Dove posso avere l'emodialisi?

È possibile ricevere cure presso un centro di dialisi oa casa. Ogni posizione ha i suoi pro e contro.

Centro dialisi

La maggior parte delle persone va in un centro dialisi per il trattamento. Presso il centro di dialisi, gli operatori sanitari istituiscono e aiutano a connettersi alla macchina per la dialisi. Un team di operatori sanitari sarà disponibile per aiutarti. Continuerete a vedere il vostro medico. Altri membri del team possono includere infermieri, tecnici sanitari, un dietista e un assistente sociale.

Imposta il programma
Avrai una fascia oraria fissa per i tuoi trattamenti, di solito tre volte a settimana: lunedì, mercoledì e venerdì; o martedì, giovedì e sabato. Ogni sessione di dialisi dura circa 4 ore. Quando si sceglie un programma di dialisi, pensa al tuo lavoro e alla cura dei figli o ad altri doveri di cura.

Opzione notturna
Alcuni centri di dialisi offrono trattamenti notturni. Questi trattamenti si verificano presso il centro dialisi 3 sere a settimana durante il sonno, che richiede più tempo. Ottenere più lunghi trattamenti di dialisi durante la notte significa

  • i tuoi giorni sono gratuiti.
  • hai meno cambi di dieta.
  • il tuo assegno liquido (quanto liquido puoi bere) è più vicino alla norma.
  • potresti avere una migliore qualità della vita rispetto a un programma di emodialisi standard. Le sessioni di trattamento più lunghe possono ridurre i sintomi.

Come trovo un centro dialisi?
Il medico, l'infermiere o l'assistente sociale possono aiutarti a trovare un centro dialisi adatto a te. Ai sensi delle norme Medicare, hai il diritto di scegliere il centro dialisi dove riceverai le cure. Si consiglia di utilizzare Dialysis Facility Compare, che valuta tutti i centri di dialisi in base alla qualità. Il medico fornirà le informazioni mediche al centro dialisi scelto.

La maggior parte delle grandi città ha più di un centro dialisi tra cui scegliere. Puoi visitare i centri per vedere quale si adatta meglio alle tue esigenze. Ad esempio, puoi chiedere informazioni sulle regole di un centro per l'utilizzo del laptop e del cellulare, oltre che per i visitatori. Potresti volere che il centro sia vicino a casa tua per risparmiare tempo di viaggio. Se vivi in ​​una zona rurale, il centro dialisi più vicino potrebbe essere lontano da casa tua. Se hai difficoltà a raggiungere il centro dialisi, potresti prendere in considerazione i trattamenti domiciliari di dialisi come l'emodialisi domiciliare o la dialisi peritoneale.

Emodialisi domiciliare

L'emodialisi domiciliare consente di avere dialisi più o meno frequente, che si avvicina alla sostituzione del lavoro con i reni sani, solitamente da tre a sette volte a settimana, e con sessioni di trattamento che durano tra le 2 e le 10 ore. Le macchine per uso domestico sono abbastanza piccole da sedersi su un tavolino.

Se scegli di sottoporti a casa i trattamenti, vedrai comunque il medico una volta al mese.

Programma flessibile
Puoi scegliere un programma che si adatta al tuo modo di vivere. Puoi usare

  • emodialisi domiciliare standard: tre volte alla settimana o ogni altro giorno per 3-5 ore
  • emodialisi giornaliera breve da 5 a 7 giorni alla settimana per 2 o 4 ore alla volta
  • Emodialisi domiciliare serale - da tre a sei volte a settimana durante il sonno

Il medico deciderà quanti trattamenti è necessario ogni settimana per l'emodialisi domiciliare giornaliera o notturna.

Più dialisi filtra il tuo sangue più a fondo
Rispetto a un programma di emodialisi standard, l'emodialisi domiciliare giornaliera o notturna vi lascerà

  • mangiare e bere più normalmente
  • prendere meno farmaci per la pressione del sangue

I reni sani funzionano 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Ottenere più emodialisi sembra più avere reni sani e riduce le possibilità di problemi comuni con un programma di emodialisi standard, come

  • crampi muscolari dolorosi da rimuovere troppo fluido troppo in fretta
  • ipertensione, che può causare mal di testa o, in rari casi, un ictus
  • bassa pressione sanguigna, che può farti svenire, sentirsi male allo stomaco, o avere più probabilità di cadere
  • alti livelli di fosfato, che possono indebolire le ossa e rendere la pelle prurito

Migliore qualità della vita
L'emodialisi standard può farti sentire stanco o sfinito per diverse ore dopo ogni trattamento. Le persone che sono passate dall'emodialisi standard all'emodialisi più lunga o più frequente riferiscono di sentirsi meglio, con più energia, meno nausea e un sonno migliore. Possono anche riferire una migliore qualità della vita.1

Formazione per emodialisi domiciliare
La maggior parte dei centri di dialisi richiede che tu abbia un partner addestrato nella tua casa durante i trattamenti di emodialisi, quindi devi chiedere a un familiare o ad un amico di seguire la formazione con te. L'infermiera di formazione domiciliare della clinica ti insegnerà importanti capacità di sicurezza.

Durante l'allenamento, tu e il tuo partner di cura imparerete a

  • configurare la macchina
  • adottare misure per prevenire l'infezione
  • posizionare gli aghi nell'accesso vascolare
  • rispondere a eventuali allarmi dalla macchina
  • controllare il peso, la temperatura, la pressione sanguigna e le pulsazioni
  • registrare i dettagli del trattamento per la clinica
  • pulire la macchina
  • buttare fuori le forniture usate in modo sicuro
  • traccia i materiali di consumo usati e ordina quelli nuovi

L'allenamento può durare da 4 a 6 ore, 5 giorni a settimana, per 3-8 settimane. Se sai già come posizionare gli aghi nel tuo accesso, l'allenamento potrebbe richiedere meno tempo.

Una coppia si incontra con un operatore sanitario nella loro casa. L'infermiera domestica può visitare la tua casa per aiutarti con il tuo primo trattamento a domicilio.

L'infermiera di formazione a casa si assicurerà che tu e il tuo partner vi sentiate sicuri e che possiate visitare la vostra casa per aiutarvi con il primo trattamento domiciliare. Oltre a fornire formazione e una macchina per emodialisi che rimane a casa tua, il centro dialisi fornisce supporto 24 ore su 24 se hai una domanda o un problema. Alcuni programmi controllano anche i trattamenti su Internet.

Confronto tra dialisi e domicilio per emodialisi

Usa la seguente tabella per aiutarti a scegliere tra un trattamento in un centro dialisi oa casa.

Tabella di confronto dialisi e home emodialisi
Centro dialisi Casa
Programma Tre trattamenti a settimana per circa 4 ore. Lunedì mercoledì venerdì; o martedì, giovedì, sabato. Flessibile. Da tre a sette trattamenti brevi o lunghi a settimana nei periodi che funzionano meglio per te.
Disponibilità Disponibile nella maggior parte delle comunità; potrebbe richiedere il viaggio in alcune zone rurali. Diventando più ampiamente disponibili man mano che vengono sviluppate attrezzature più piccole.
Macchina / forniture La clinica ha la macchina e le forniture. La macchina e le forniture da 2 a 4 settimane sono in casa. Potresti aver bisogno di piccoli cambiamenti a casa tua per collegare la macchina a elettricità e acqua.
Formazione La clinica insegna trattamenti, dieta, liquidi, medicine, test di laboratorio, ecc. Tu e un partner dovete seguire da 3 a 8 settimane di formazione in emodialisi domiciliare.
Dieta e liquidi Limiti rigorosi su assunzione di liquidi, fosforo, sodio e potassio. Meno limiti ai liquidi o alla dieta, in base alla quantità di emodialisi e test di laboratorio.
Livello di libertà Meno libertà nei giorni di trattamento. Può sentirsi slavato e stanco per ore dopo ogni trattamento. Più libertà perché si imposta il programma di trattamento per soddisfare l'importo totale prescritto. Il lavoro e i viaggi sono molto più semplici.
Quantità di lavoro I membri dello staff del centro svolgono compiti di emodialisi. Possono insegnarti a fare alcuni compiti. Tu e il tuo partner dovete configurare, eseguire e pulire la macchina; controllare i segni vitali; traccia i trattamenti e invia moduli; e ordinare le forniture.
Pagamento Medicare e la maggior parte degli altri piani sanitari coprono tre trattamenti di emodialisi alla settimana. Medicare copre tre trattamenti di emodialisi alla settimana e può coprire di più per motivi medici; altri piani sanitari possono riguardare tutti i trattamenti di emodialisi.

Come si prepara per l'emodialisi?

La dialisi è un trattamento complesso che richiede tempo per capire. Poiché la maggior parte delle persone non si sente male fino a poco prima di iniziare la dialisi, probabilmente ti sentirai ancora bene quando il medico ti parla per la prima volta di prepararti per la dialisi. Nessuno vuole iniziare la dialisi prima di averne bisogno, ma ci vuole tempo per prepararsi alla dialisi.

Guarda questo video per scoprire perché il tuo nefrologo potrebbe riferirti a un chirurgo mentre ti senti ancora bene.

Prenditi cura dei vasi sanguigni tra le tue braccia

È importante per te proteggere le vene nel braccio prima di iniziare la dialisi. Se hai una malattia renale, ricorda agli operatori sanitari di prelevare il sangue e inserire le linee IV solo nelle vene sotto il polso; per esempio, chiedi loro di usare una vena nel dorso della mano. Se una vena del braccio viene danneggiata da una flebo o da ripetuti prelievi di sangue, quella vena potrebbe non essere utilizzabile per la dialisi.

Guarda questo video che descrive come prendersi cura dei vasi sanguigni nelle braccia nel caso in cui sia necessaria la dialisi.

Chirurgia di accesso vascolare

Un passo importante prima di iniziare il trattamento di emodialisi è quello di avere un piccolo intervento chirurgico per creare un accesso vascolare.Il tuo accesso vascolare sarà la tua ancora di salvezza attraverso la quale ti connetteresti al dializzatore. La dialisi muove il sangue attraverso il filtro ad alta velocità. Il flusso sanguigno è molto forte. La macchina si ritira e restituisce quasi una pinta di sangue al tuo corpo ogni minuto. L'accesso sarà il punto sul tuo corpo in cui inserisci gli aghi per consentire al sangue di fluire e tornare al tuo corpo ad alta velocità durante la dialisi.

Esistono tre tipi di accesso vascolare

  • una fistola artero-venosa (AV)
  • un innesto AV
  • un catetere

Lavora a stretto contatto con il tuo nefrologo e chirurgo vascolare, un chirurgo che lavora con i vasi sanguigni, per assicurarti che l'accesso avvenga in tempo utile. La guarigione può richiedere diversi mesi. L'obiettivo è che il tuo accesso sia pronto per l'uso quando sei pronto per la dialisi.

Guarda un video di un medico che spiega l'accesso vascolare.

Il disegno di un braccio mostra una fistola artero-venosa che collega un'arteria e una vena. Il chirurgo collega un'arteria a una vena per creare una fistola AV.

Fistola AV
Il miglior tipo di accesso a lungo termine è una fistola AV. Un chirurgo collega un'arteria a una vena, di solito nel braccio, per creare una fistola AV. Un'arteria è un vaso sanguigno che trasporta il sangue dal tuo cuore. Una vena è un vaso sanguigno che riporta il sangue verso il cuore. Quando il chirurgo collega un'arteria a una vena, la vena si allarga e diventa più spessa, rendendo più facile il posizionamento degli aghi per la dialisi. La fistola AV ha anche un diametro grande che consente al sangue di defluire e tornare rapidamente nel tuo corpo. L'obiettivo è di consentire un flusso sanguigno elevato in modo che la più grande quantità di sangue possa passare attraverso il dializzatore.

Il braccio di una persona che mostra una fistola AV. La fistola AV è un vaso sanguigno reso più ampio e più forte da un chirurgo per gestire gli aghi che consentono al sangue di defluire e tornare da una macchina per dialisi.

La fistola AV è considerata l'opzione migliore perché

  • fornisce il più alto flusso sanguigno per la dialisi
  • è meno probabile che diventi infetto o coagulato
  • dura di più

La maggior parte delle persone può tornare a casa dopo un intervento ambulatoriale. Otterrete l'anestesia locale per intorpidire l'area in cui il chirurgo vascolare crea la fistola AV. A seconda della situazione, è possibile ottenere un'anestesia generale e non essere sveglio durante la procedura.

Guarda un video sul perché la fistola è la migliore opzione di accesso.

Innesto AV
Se i problemi con le vene ti impediscono di avere una fistola AV, potrebbe invece essere necessario un innesto AV. Per creare un innesto AV, il chirurgo usa un tubo artificiale per collegare un'arteria a una vena. È possibile utilizzare un innesto AV per dialisi subito dopo l'intervento. Tuttavia, è più probabile che tu abbia problemi di infezione e coaguli di sangue. I coaguli di sangue ripetuti possono bloccare il flusso di sangue attraverso l'innesto e rendere difficile o impossibile la dialisi.

Disegno di una vena e un'arteria in un braccio collegato da un innesto in loop. Un innesto AV utilizza un tubo sintetico per connettere un'arteria e una vena per l'emodialisi.

Catetere per accesso temporaneo
Se la tua malattia renale è progredita rapidamente, o non hai avuto accesso vascolare prima della dialisi, potresti aver bisogno di un catetere venoso, un piccolo tubo morbido inserito in una vena del collo, del torace o della gamba vicino all'inguine. come accesso temporaneo. Un nefrologo o un radiologo interventista, un medico che utilizza apparecchiature di imaging medico per eseguire un intervento chirurgico, posiziona il catetere venoso mentre si è ricoverati in un ospedale o in una clinica ambulatoriale. Riceverai anestesia locale e medicine per mantenerti calmo e rilassato durante la procedura.

Guarda un video sui problemi con i cateteri.

Quali cambiamenti dovrò fare quando inizio l'emodialisi?

Devi aggiustare la tua vita per costruire le sessioni di trattamento dialitico nella tua routine. Se si dispone di dialisi nel centro, potrebbe essere necessario riposare dopo ogni trattamento. Adattarsi agli effetti dell'insufficienza renale e il tempo trascorso in dialisi può essere difficile. Potrebbe essere necessario apportare modifiche al lavoro o alla vita domestica, rinunciando ad alcune attività e responsabilità. Accettare questi cambiamenti può essere difficile per te e la tua famiglia. Un consulente di salute mentale o assistente sociale può rispondere alle tue domande e aiutarti a far fronte.

Dovrai cambiare ciò che mangi e bevi. Il tuo team sanitario può modificare le medicine che prendi.

Prenditi cura del tuo accesso

Il tuo accesso è la tua ancora di salvezza. Dovrai proteggere il tuo accesso. Lavare l'area intorno al tuo accesso con sapone e acqua calda ogni giorno. Controllare l'area per segni di infezione, come calore o arrossamento. Quando il sangue scorre attraverso il tuo accesso e il tuo accesso funziona bene, puoi sentire una vibrazione nell'area. Fai sapere al tuo centro dialisi se non riesci a sentire la vibrazione.

Apporta modifiche a ciò che mangi e bevi

Se sei in emodialisi, potresti dover limitare

  • sodio negli alimenti e nelle bevande.
  • alimenti ad alto contenuto di fosforo.
  • la quantità di liquido che bevi, compreso il liquido che si trova negli alimenti. Il fluido si accumula nel corpo tra i trattamenti di emodialisi.

Potrebbe anche essere necessario

  • aggiungi proteine ​​alla tua dieta perché l'emodialisi rimuove le proteine
  • scegli gli alimenti con la giusta quantità di potassio
  • prendere vitamine fatte per le persone con insufficienza renale
  • trova modi sani per aggiungere calorie alla tua dieta perché potresti non avere un buon appetito
Un dietologo fornisce istruzioni a un paziente. Incontra un dietologo per sviluppare un piano alimentare che funzioni per te.

Mangiare i cibi giusti può aiutarti a sentirti meglio quando sei in emodialisi. Parla con il dietologo del tuo centro dialisi per trovare un piano alimentare per emodialisi che funzioni per te.

Come faccio a sapere se il mio emodialisi funziona?

Saprai che i trattamenti di emodialisi funzionano da come ti senti. Il tuo livello di energia può aumentare e potresti avere un appetito migliore. L'emodialisi riduce il sale e l'accumulo di liquidi, quindi dovresti avere meno respiro e gonfiore.

Questo video spiega come la maggior parte delle persone con insufficienza renale si sentano meglio dopo l'inizio della dialisi.

Per ottenere il massimo dal tuo trattamento di emodialisi, mantieni il tuo "peso a secco" ideale. Il peso a secco ideale è il tuo peso quando non hai liquidi extra nel tuo corpo. Se stai attento al sodio nella tua dieta e l'emodialisi funziona, dovresti riuscire a raggiungere il peso a secco ideale alla fine di ogni trattamento di emodialisi. Quando i trattamenti di emodialisi funzionano e si mantiene il peso a secco ideale, la pressione sanguigna dovrebbe essere ben controllata.

Primo piano di una persona che cammina su una scala per pesarsi. Mantenere il peso a secco ideale.

Inoltre, gli esami del sangue possono dimostrare quanto stiano funzionando i trattamenti di emodialisi. Una volta al mese, sia che tu sia a casa o in dialisi per emodialisi, il tuo centro dialisi testerà il tuo sangue. Maggiori informazioni sulla dose di emodialisi e sull'adeguatezza.

Quali sono i possibili problemi dell'emodialisi?

Potresti avere un problema con l'accesso vascolare, che è la ragione più comune per cui qualcuno in emodialisi deve recarsi in ospedale. Qualsiasi tipo di accesso vascolare può

  • diventare infetto
  • hanno scarso flusso sanguigno o blocco da un coagulo di sangue o cicatrice

Questi problemi possono impedire il corretto funzionamento dei trattamenti. Potrebbe essere necessario avere più procedure per sostituire o riparare il tuo accesso affinché funzioni correttamente.

Cambiamenti improvvisi nell'acqua del corpo e l'equilibrio chimico durante il trattamento possono causare ulteriori problemi, come ad esempio

  • crampi muscolari.
  • un improvviso calo della pressione sanguigna, chiamato ipotensione. L'ipotensione può farti sentire debole, stordito o malato allo stomaco.

Il medico può cambiare la soluzione di dialisi per evitare questi problemi. I trattamenti più lunghi e frequenti di emodialisi domiciliare hanno meno probabilità di causare crampi muscolari o rapidi cambiamenti della pressione arteriosa rispetto alla dialisi in centro standard.

Puoi perdere sangue se un ago esce dal tuo accesso o un tubo esce dal dializzatore. Per prevenire la perdita di sangue, le macchine per dialisi hanno un rilevatore di perdite di sangue che attiva un allarme. Se questo problema si verifica in clinica, un infermiere o un tecnico sarà a disposizione per agire. Se stai usando la dialisi domiciliare, il tuo allenamento preparerà te e il tuo partner a risolvere il problema.

Potrebbero essere necessari alcuni mesi per adattarsi all'emodialisi. Segnala sempre problemi al tuo team di assistenza sanitaria, che spesso può trattare gli effetti collaterali in modo rapido e semplice. Puoi evitare molti effetti collaterali seguendo un piano alimentare che sviluppi con il tuo dietologo, limitando l'assunzione di liquidi e assumendo le medicine come indicato.

Cosa succede se sono in dialisi e decido di smettere?

Se sei stato in dialisi e desideri fermarti, riceverai comunque cure di supporto. L'assistente sociale in dialisi potrebbe essere in grado di aiutarti a sviluppare un piano di assistenza di fine vita prima di interrompere la dialisi.

Riferimenti


Recenti documenti: