Livello di zucchero nel sangue

Salta alla navigazione Salta alla ricerca

La fluttuazione della glicemia (rosso) e l'insulina ormone ipoglicemizzante (blu) nell'uomo durante il corso della giornata con tre pasti. Viene evidenziato uno degli effetti di un pasto ricco di zuccheri e ricco di amido.[1]

Il livello di zucchero nel sangue, la concentrazione di zucchero nel sangue o il livello di glucosio nel sangue è la quantità di glucosio presente nel sangue di uomini e altri animali. Il glucosio è uno zucchero semplice e circa 4 grammi di glucosio sono presenti nel sangue di un uomo di 70 kg (150 libbre) in ogni momento.[2] Il corpo regola strettamente i livelli di glucosio nel sangue come parte dell'omeostasi metabolica.[2] Il glucosio è immagazzinato nel muscolo scheletrico e nelle cellule del fegato sotto forma di glicogeno;[2] negli individui a digiuno, la glicemia viene mantenuta a un livello costante a scapito delle riserve di glicogeno nel fegato e nei muscoli scheletrici.[2]

Negli esseri umani, il glucosio è la fonte primaria di energia ed è fondamentale per la normale funzione, in un certo numero di tessuti,[2] in particolare il cervello umano che consuma circa il 60% del glucosio nel sangue in individui sedentari a digiuno.[2] Il glucosio può essere trasportato dall'intestino o dal fegato ad altri tessuti del corpo attraverso il flusso sanguigno.[2] L'assorbimento del glucosio cellulare è principalmente regolato dall'insulina, un ormone prodotto nel pancreas.[2]

I livelli di glucosio sono solitamente più bassi al mattino, prima del primo pasto della giornata, e aumentano dopo i pasti per un'ora o due di pochi millimetri.I livelli di zucchero nel sangue al di fuori dell'intervallo normale possono essere un indicatore di una condizione medica. Un livello persistentemente alto viene definito iperglicemia; bassi livelli sono indicati come ipoglicemia. Il diabete mellito è caratterizzato da iperglicemia persistente da una qualsiasi delle varie cause ed è la malattia più importante correlata al fallimento della regolazione della glicemia. Esistono diversi metodi per testare e misurare i livelli di zucchero nel sangue.

L'assunzione di alcol provoca un primo aumento della glicemia e in seguito tende a causare la caduta dei livelli. Inoltre, alcuni farmaci possono aumentare o diminuire i livelli di glucosio.[3]

unità

Il modo standard internazionale per misurare i livelli di glucosio nel sangue è in termini di una concentrazione molare, misurata in mmol / L (millimoli per litro o millimolare, mM abbreviato). Negli Stati Uniti, in Germania e in altri paesi la concentrazione di massa è misurata in mg / dL (milligrammi per decilitro).[4]

Dal momento che il peso molecolare del glucosio C6H12O6 è 180, la differenza tra le due unità è un fattore di 18, quindi 1 mmol / L di glucosio è equivalente a 18 mg / dL.[5]

Valori normali nell'uomo

Gli intervalli di valori normali possono variare leggermente tra diversi laboratori. Molti fattori influenzano il livello di zucchero nel sangue di una persona. Il meccanismo omeostatico del corpo della regolazione della glicemia (noto come omeostasi del glucosio), quando funziona normalmente, ripristina il livello di zucchero nel sangue a un intervallo ristretto di circa 4,4 a 6,1 mmol / L (da 79 a 110 mg / dL) (misurato da un digiuno test della glicemia).[6] Il normale livello di zucchero nel sangue per una persona media non è un numero numerico singolo universalmente.

Il livello normale di glucosio nel sangue (testato durante il digiuno) per i non diabetici deve essere compreso tra 3,9 e 7,1 mmol / L (da 70 a 130 mg / dL). Il livello medio di glucosio nel sangue nell'uomo è di circa 5,5 mmol / L (100 mg / dL);[5] tuttavia, questo livello oscilla per tutto il giorno. I livelli di zucchero nel sangue per quelli senza diabete e che non stanno digiunando dovrebbero essere inferiori a 6,9 mmol / L (125 mg / dL).[7] L'intervallo target di glucosio nel sangue per i diabetici, secondo l'American Diabetes Association, dovrebbe essere 5,0-7,2 mmol / l (90-130 mg / dl) prima dei pasti e meno di 10 mmol / L (180 mg / dL) dopo i pasti ( misurato da un misuratore di glicemia).[8]

Nonostante gli intervalli ampiamente variabili tra i pasti o il consumo occasionale di pasti con un notevole carico di carboidrati, i livelli di glucosio nel sangue umano tendono a rimanere all'interno del range di normalità. Tuttavia, poco dopo aver mangiato, il livello di glucosio nel sangue può salire, nei non diabetici, temporaneamente fino a 7,8 mmol / L (140 mg / dL) o leggermente di più. Per le persone con diabete che mantengono il "controllo stretto del diabete", l'American Diabetes Association raccomanda un livello di glucosio postprandiale inferiore a 10 mmol / L (180 mg / dL) e un glucosio plasmatico a digiuno da 3,9 a 7,2 mmol / L (70- 130 mg / dl).[9]

La quantità effettiva di glucosio nel sangue e nei fluidi corporei è molto piccola. In un maschio adulto sano di 75 kg con un volume di sangue di 5 litri, un livello di glucosio nel sangue di 5,5 mmol / L (100 mg / dL) equivale a 5 g, equivalenti a circa un cucchiaino di zucchero.[10] Parte del motivo per cui questa quantità è così piccola è che, per mantenere un afflusso di glucosio nelle cellule, gli enzimi modificano il glucosio aggiungendo fosfato o altri gruppi ad esso.

Animali

In generale, i livelli di glicemia nei comuni ruminanti domestici sono inferiori rispetto a molti mammiferi monogastrici.[11] Tuttavia questa generalizzazione non si estende ai ruminanti selvatici o ai camelidi. Per glicemia sierica in mg / dL, intervalli di riferimento da 42 a 75 per le vacche, da 44 a 81 per gli ovini e da 48 a 76 per le capre, ma da 61 a 124 per i gatti; Da 62 a 108 per i cani, da 62 a 114 per i cavalli, da 66 a 116 per i suini, da 75 a 155 per i conigli e da 90 a 140 per i lama.[12] Per capre di montagna catturate (Oreamnos americanus) è stato segnalato un intervallo di riferimento del 90 percento per glicemia sierica da 26 a 181 mg / dL, in cui non erano evidenti effetti dell'inseguimento e della cattura sui livelli misurati.[13] Per le balene beluga, il range del 25-75% del glucosio sierico è stato stimato tra 94 e 115 mg / dL.[14] Per il rinoceronte bianco, uno studio ha indicato che l'intervallo del 95 percento è compreso tra 28 e 140 mg / dL.[15] Per i sigilli per arpa, un intervallo di glucosio nel siero compreso tra 4,9 e 12,1 mmol / L [vale a dire È stato segnalato da 88 a 218 mg / dL]; per guarnizioni con cappuccio, un intervallo da 7,5 a 15,7 mmol / L [vale a direè stato segnalato da 135 a 283 mg / dL].[16]

Regolamento

Articolo principale: Regolazione dello zucchero nel sangue

Il meccanismo omeostatico del corpo mantiene i livelli di glucosio nel sangue entro un intervallo ristretto. È composto da diversi sistemi interagenti, di cui la regolazione ormonale è la più importante.

Esistono due tipi di ormoni metabolici reciprocamente antagonisti che influenzano i livelli di glucosio nel sangue:

  • ormoni catabolici (come glucagone, cortisolo e catecolamine) che aumentano la glicemia;[17]
  • e un ormone anabolico (insulina), che diminuisce il glucosio nel sangue.

Questi ormoni sono secreti dalle isole pancreatiche che sono fasci di tessuti endocrini. Esistono quattro tipi di isole pancreatiche, cellule alfa (A), cellule beta (B), cellule Delta (D) e cellule F. Il glucagone viene secreto dalle cellule alfa, mentre l'insulina è secreta dalle cellule beta. Insieme regolano i livelli di glucosio nel sangue attraverso il feedback negativo, un processo in cui il prodotto finale di una reazione stimola l'inizio di un'altra reazione. Nei livelli di glucosio nel sangue, l'insulina riduce la concentrazione di glucosio nel sangue. Il livello più basso di glucosio nel sangue (un prodotto della secrezione di insulina) innesca la secrezione di glucagone e ripete il ciclo.[18]

Per mantenere stabile la glicemia, vengono apportate modifiche all'insulina, al glucagone, all'adrenalina e al cortisolo. Ognuno di questi ormoni ha una diversa responsabilità nel mantenere regolata la glicemia; quando la glicemia è troppo alta, l'insulina dice ai muscoli di assumere glucosio in eccesso per la conservazione. Il glucagone risponde a un livello troppo basso di glucosio nel sangue; informa il tessuto per produrre più glucosio. L'epinefrina prepara i muscoli e il sistema respiratorio per l'attività nel caso di una risposta di "lotta e fuga". Infine, il cortisolo fornisce all'organismo carburante nei momenti di forte stress.[19]

Anormalità nei livelli di zucchero nel sangue

Alto tasso di zucchero nel sangue

Articolo principale: iperglicemia

Se i livelli di zucchero nel sangue rimangono troppo alti il ​​corpo sopprime l'appetito nel breve termine. L'iperglicemia a lungo termine causa molti problemi di salute a lungo termine, tra cui malattie cardiache, cancro,[20] occhio, reni e danni ai nervi.[21]

Livelli di zucchero nel sangue superiori a 300 possono causare reazioni fatali. I chetoni saranno molto alti (una magnitudo superiore a quando si consuma una dieta a basso contenuto di carboidrati) iniziando la chetoacidosi. La clinica Mayo raccomanda un trattamento di pronto soccorso al di sopra di 300 mg / dL di glucosio nel sangue.

La causa più comune di iperglicemia è il diabete. Quando il diabete è la causa, i medici raccomandano tipicamente un farmaco antidiabetico come trattamento. Dal punto di vista della maggior parte dei pazienti, il trattamento con un antico farmaco per il diabete ben definito come la metformina sarà la via più sicura, più efficace, meno costosa e più comoda per gestire la condizione.[22] I cambiamenti di dieta e l'attuazione dell'esercizio possono anche essere parte di un piano di trattamento per il diabete.

Il digiuno dei livelli di glucosio nel sangue può essere superiore al glucosio ematico post pasto in molti dei soggetti sani. Si può affermare che tali individui hanno una resistenza all'insulina fisiologica e possono sviluppare il diabete mellito come complicazione a lungo termine. Nelle pratiche cliniche e di laboratorio, molte volte un soggetto sano normale presenterà un valore glicemico a digiuno superiore al valore glicemico post pasto. Ciò crea confusione poiché esiste una percezione comune che nel sangue, il livello di glucosio postprandiale (PP) dovrebbe essere superiore al livello di glucosio a digiuno (F). L'indagine ripetuta produce successivamente un tipo di risultato un po 'simile.[23]

Basso livello di zucchero nel sangue

Articolo principale: ipoglicemia

Se i livelli di zucchero nel sangue scendono troppo, si sviluppa una condizione potenzialmente fatale chiamata ipoglicemia. I sintomi possono includere letargia, compromissione del funzionamento mentale; irritabilità; tremori, contrazioni, debolezza dei muscoli delle braccia e delle gambe; carnagione pallida; sudorazione; perdita di conoscenza.

I meccanismi che ripristinano livelli soddisfacenti di glucosio nel sangue dopo un'ipoglicemia estrema (inferiore a 40 mg / dL) devono essere rapidi ed efficaci per prevenire conseguenze estremamente gravi di glucosio insufficiente: confusione o instabilità e, in caso di perdita di coscienza estrema (inferiore a 15 mg / dL) e convulsioni. Senza tralasciare le condizioni e i rischi potenzialmente molto gravi dovuti o spesso associati all'iperglicemia, specialmente a lungo termine (diabete o pre-diabete, obesità o sovrappeso, iperlipidemia, ipertensione, ecc.), È ancora generalmente più pericoloso avere anche Poco glucosio - soprattutto se i livelli sono molto bassi - nel sangue che troppo, almeno temporaneamente, perché il glucosio è così importante per il metabolismo e la nutrizione e il corretto funzionamento degli organi del corpo. Questo è particolarmente vero per quegli organi che sono metabolicamente attivi o che richiedono una fornitura costante e regolata di zucchero nel sangue (il fegato e il cervello sono esempi). In individui sani, i meccanismi di regolazione del glucosio nel sangue sono generalmente abbastanza efficaci e l'ipoglicemia sintomatica si riscontra generalmente solo nei diabetici che usano insulina o altri trattamenti farmacologici, fame o grave malnutrizione o malassorbimento (di varie cause) e condizioni come l'anoressia. Gli episodi ipoglicemici possono variare notevolmente tra le persone e di volta in volta, sia in termini di gravità che di rapidità di insorgenza. Per i casi gravi, è essenziale un'assistenza medica tempestiva, poiché i danni al cervello e ad altri tessuti e persino la morte derivano da livelli di glicemia sufficientemente bassi.

Misurazione del glucosio

Ulteriori informazioni: Monitoraggio della glicemia e glucometro

Fonte di esempio

Test del glucosio in individui a digiuno, mostrano livelli comparabili di glucosio nel sangue arterioso, venoso e capillare. Ma dopo i pasti, i livelli di glucosio nel sangue capillare e arterioso possono essere significativamente più alti dei livelli venosi.Anche se queste differenze variano ampiamente, uno studio ha rilevato che dopo il consumo di 50 grammi di glucosio, "la concentrazione media di glucosio nel sangue capillare è superiore alla concentrazione media di glucosio nel sangue del 35%."[24][25][26]


Recenti documenti: